Hurricaaaaaaaane!

-

Dopo il successo mondiale di Gatchaman - La Battaglia dei Pianeti nel 1972, Tatsunoko Production proseguì con una eccezionale serie di eroi indimenticabili tra i quali: Casshern Neo-Human (1973), Hurricane Polimar (1974) e, infine, Tekkaman Space Knight (1975). Erano gli anni '70, e il mondo si appassionava per un'arte marziale millenaria, il Kung Fu, spinta in prima linea dal leggendario Bruce Lee.

Ma gli anni '70 erano anche quelli delle crisi petrolifere e delle grandi crisi industriali; di fronte alla crisi, gli studi giapponesi dovettero raddoppiare d'inventiva per compensare i budget ridotti che li raggiungevano. Nonostante queste enormi difficoltà, lo studio Tatsunoko riuscì a creare opere che avrebbero segnato intere generazioni.

Tra i più iconici eppur meno conosciuti in Occidente: Hurricane Polimar. La serie nacque come una sorta di versione più moderna di Kurenai Sanshiro (Judo Boy), il cui successo globale purtroppo non aveva giovato economicamente ai suoi creatori. Un giovane artista marziale, Takeshi, spinto da un immenso desiderio di giustizia, combatte il crimine in tutto il mondo. Qui, il kimono scarlatto è sostituito da una combinazione di polimeri rossi, mentre la fedele moto è rimpiazzata dalla capacità del protagonista a trasformarsi in macchine formidabili, veicoli nei quali si riconosce facilmente uno dei marchi di fabbrica dello studio.

Se l'eroe è ispirato al maestro del Jet Kune Do, la serie è piena di elementi dei film noir degli anni '50 e dei film d'azione della Nikkatsu; con i suoi personaggi dall'aspetto realistico, storie ricche di azione e sempre un tocco di umorismo ben piazzato, la serie è entrata di diritto nel pantheon dell'Anime.

Ed ovviamente, non potevamo non festeggiare i 45 anni di quest'icona degli anni settanta.

Dunque preparatevi: arriva Polimar !

Comments (0)

Product added to wishlist
Product added to compare.

Our website uses cookies to enhance your visit. You can learn more on these here.